Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni

Anche quest’anno, come ogni anno a partire dal mese di ottobre, ha preso il via il  Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni per la misurazione delle principali caratteristiche socio-economiche della […]

Esplora contenuti correlati

Al Teatro Verdi si apre la nuova stagione teatrale

10 Novembre 2023

Sabato 11 novembre inizia la prelazione dei vecchi abbonati
Lunedì 13 novembre alle 21 presentazione del cartellone alla Biblioteca Puccini

 

Una stagione di prosa che porterà il meglio del teatro italiano sul palcoscenico del Verdi di Santa Croce sull’Arno.
Con una gamma di talenti eccezionali tra gli attori e le attrici di primo piano del panorama nazionale, il palcoscenico del Verdi sarà il luogo in cui magia e emozione prenderanno vita. La programmazione comprende una varietà di generi per soddisfare i gusti più esigenti, da commedie brillanti a drammatici toccanti, passando per spettacoli musicali che faranno battere il cuore. I protagonisti del cartellone 2023-2024 sono Andrea Pennacchi, Vanessa Scalera, Alessandro Haber, Francesco Montanari, Cristiano Caccamo, Giuliana De Sio, Drusilla Foer, Antonio Milo e Lunetta Savino.
La stagione di prosa e le rassegne Il baule dei sogni e Stasera pago io sono programmate e sostenute da Fondazione Toscana Spettacolo onlus, Giallo Mare Minimal Teatro e Comune di Santa Croce sull’Arno.

«Sono davvero molto felice di presentare questa che sarà l’ultima stagione del nostro Teatro Verdi a cui parteciperò come Sindaca- dichiara Giulia Deidda, prima cittadina del comune di Santa Croce sull’Arno- Come avrete modo di leggere, si tratta di una programmazione se possibile ancor più ricca di spettacoli e personalità di altissimo livello che andranno ad arricchire l’offerta culturale del nostro Comune. Come amministrazione siamo da sempre fortemente impegnati a preservare e promuovere la cultura e le arti nella nostra comunità e questo rimarrà anche per i prossimi mesi uno degli obiettivi principali che intendiamo perseguire. Desidero a questo proposito ringraziare per il loro continuo sostegno e per essere parte di questa meravigliosa avventura tutte le persone che ogni anno collaborano con l’amministrazione comunale affinché il nostro teatro sia sempre più uno spazio vivo e aperto a una molteplicità di eventi e spettacoli. Non vediamo quindi l’ora di accogliervi nel nostro Teatro Verdi che quest’anno sarà ancor più bello e funzionale grazie ai recenti interventi di manutenzione che sono in via di conclusione. Non mi resta dunque che dare appuntamento a tutte e a tutti al teatro per una nuova imperdibile stagione teatrale».

«Il Teatro Verdi di Santa Croce sull’Arno presenta ai suoi cittadini un cartellone di grande attualità, con testi che toccano profondamente le nostre coscienze e che aiutano a riflettere su vicende collettive e personali – afferma Cristina Scaletti, presidente della Fondazione Toscana Spettacolo onlus -. Non mancano il divertimento intelligente e classici riproposti in chiave contemporanea, per una stagione capace di andare incontro a un pubblico attento e sempre più variegato. Per questo siamo orgogliosi di essere ancora una volta al fianco dell’amministrazione comunale nel sostenere la proposta culturale che va ad iniziare”»

«Il cartellone del Teatro Verdi di Santa Croce sull’Arno offre al suo pubblico una stagione intensa, con spettacoli che puntano al cuore della nostra vita contemporanea, con testi, regie e attori di grande livello – afferma Patrizia Coletta, direttrice della Fondazione Toscana Spettacolo onlus -. Se ‘Sesto potere’, scritto e diretto da Davide Sacco, ci porta nei pericoli e nei veleni delle fake news, ‘La sorella migliore’ interpretata da Vanessa Scalera, affronta il dramma personale, ma anche collettivo, che può nascere da un omicidio stradale. Mentre due classici come la maschera di ‘Arlecchino’ indossata da Andrea Pennacchi per la regia di Marco Baliani, o ‘Il giuocatore’ di Carlo Goldoni riadattato da Roberto Valerio, ci accompagnano dentro le eterne contraddizioni dell’animo umano. In accordo con l’Amministrazione comunale, non mancano spettacoli che faranno divertire il pubblico, ma come è nella missione della nostra Fondazione, sempre all’insegna dell’intelligenza e della riflessione, lasciando spazio anche alla musica e alla danza, per valorizzare ogni aspetto dello spettacolo dal vivo, come nel caso di Drusilla Foer e la sua ‘Venere Nemica’». 

«La nostra visione è quella di rendere il teatro accessibile e coinvolgente per tutti i cittadini di Santa Croce- dichiara Renzo Boldrini, direttore artistico del teatro-. Siamo orgogliosi di presentare un programma variegato che celebra la diversità delle forme d’arte teatrali e porta l’emozione e la magia del palcoscenico direttamente nella vita di tutti». 

Si comincia giovedì 14 dicembre con una coppia di attori molto interessante, Francesco Montanari e Cristiano Caccamo protagonisti di Sesto potere di Davide Sacco, che cura anche la regia. In un garage chissà dove tre ragazzi lavorano per il partito di destra: creano fake news per manipolare la campagna elettorale. È l’ultima sera prima del silenzio elettorale e i sondaggi sono a loro favore, ma quando Malosi, un giornalista molto seguito, distrugge in diretta il vicesegretario del partito, crollano drasticamente. I ragazzi capiscono che l’unico modo per riportare la situazione a loro favore non è più creare false notizie sulla sinistra, ma screditare direttamente il giornalista. In pochi minuti investono migliaia di euro e mettono in rete la notizia che Malosi ha preso dei soldi dalla sinistra per pilotare la campagna elettorale. I ragazzi esultano quando il presidente di rete sospende la trasmissione di Malosi.
Hanno raggiunto il loro obiettivo. Ma hanno anche finito il loro budget. I tre ragazzi sono molto diversi tra loro: uno è mosso dalla rabbia, ardore politico; un altro fa questo lavoro per soldi, la terza sembra avere per Malosi un odio personale. Quando gli hacker si accorgono di aver esaurito il budget, iniziano a discutere pesantemente tra loro.
Giuliana De Sio e Alessandro Haber sono i protagonisti de La signora del martedì  di Massimo Carlotto tratto dal suo omonimo romanzo. Al centro dello spettacolo diretto da Pierpaolo Sepe ci sono personaggi che la vita ha maltrattato: un attore porno che aspetta che ogni martedì una donna affascinante paghi i suoi servizi da gigolò alla pensione Lisbona, dove il proprietario, il signor Alfredo, vive di nascosto la sua condizione di travestito. La donna ha un passato misterioso che emergerà dalle parole di Pietro Maria Belli, un giornalista senza scrupoli. In scena mercoledì 17 gennaio 2024.
Giovedì 1 febbraio Andrea Pennacchi sarà Arlecchino, diretto da Marco Baliani.  Sul palcoscenico Pennacchi indossa la maschera icona della Commedia dell’Arte per trasportarla nella realtà del mondo moderno. Un inevitabile contrasto da cui scaturiscono esilaranti situazioni ma, anche, dissacranti visioni e imperdibili scontri. Arlecchino, con la sua goffaggine e la sua furbizia, attraversa quei territori dello spirito umano che in ogni epoca mostrano le loro eterne contraddizioni.
Vanessa Scalera, reduce dal grande successo televisivo della serie “Imma Tataranni”, martedì 13 febbraio sarà in scena con La sorella migliore di Filippo Gili.  Un intenso e appassionante dramma familiare dove l’amore si scontra con il senso di colpa e il rimorso, in un turbinio di sentimenti e riflessioni su ciò che è giusto.
La settimana successiva, il 20 febbraio, un’altra grande attrice calcherà il palco del Verdi: Lunetta Savino sarà l’intensa protagonista di La madre di Florian Zeller, scrittore e drammaturgo francese, Premio Oscar nel 2021 per The father. Lo spettacolo indaga in modo acuto e profondo il tema dell’amore materno e le possibili derive a cui può condurre. Una donna sola davanti allo specchio della propria vita. La partenza del figlio, ormai adulto, viene vissuta dalla donna come un vero e proprio tradimento, a cui si aggiunge una decadenza dell’amore coniugale in atto da tempo. Anna (Savino) è ossessionata da una realtà multipla in cui le dimensioni si sdoppiano creando un’illusione di autenticità costante in tutti i piani narrativi. Il suo mondo è un luogo in cui lei non si riconosce più. Ma la responsabilità di questa solitudine non sta forse anche nell’aver rinunciato alla vita per dedicarsi al proprio unico figlio maschio su cui riversare frustrazioni, rimorsi e ideali d’amore?
Mercoledì 6 marzo un classico di Goldoni Il giuocatore con Nicola Rignanese, Alessandro Averone, Mimosa Campironi, Massimo Grigò, Alvia Reale e Roberto Valerio, che cura anche l’adattamento e la regia dello spettacolo.  In questa opera teatrale del 1750 si ride crudelmente seguendo, dall’alba al tramonto, la giornata-tipo di un giovane borghese, Florindo, completamente asservito al gioco. Goldoni tratteggia abilmente i suoi rapporti sociali e le abitudini, perché conosce bene la psicologia di un ludopatico e ne svela impietosamente tutti i processi e le trappole mentali.
In principio era Eleganzissima, il recital che per primo ha fatto conoscere al pubblico teatrale il suo talento ironico e sagace. Ora l’iconica Drusilla Foerporta in scena Venere Nemica, un testo ispirato alla favola di Apuleio Amore e Psiche, riletta in modo croccante, divertente, commovente, a tratti tragico, che tocca temi antichi e attuali, come la competizione suocera/nuora, la bellezza che sfiorisce, la possessività materna, il conflitto secolare fra uomini e dei. Gli archetipi affrontati nel testo si rivelano di un’attualità disarmante, resa ancora più evidente dal trasparire della personalità spiccata dell’interprete, nel ruolo della Dea, ora vivente fra gli umani mortali, assistita da una ineccepibile Elena Talenti, cantante e attrice di musical di successo (Sister Act), nelle vesti di una solerte quanto inflessibile cameriera. In programma domenica 17 marzo.
Finale di stagione martedì 26 marzo con Mettici la mano di Maurizio de Giovanni con Antonio Milo, Adriano Falivene e Elisabetta Mirra, un progetto che nasce quasi come una costola de Il commissario Ricciardi.  Il brigadiere Maione e il “femminiello” Bambinella, interpretati, in teatro come in tv, rispettivamente da Milo e da Falivene, incontrano il pubblico per la prima volta dal vivo, accompagnati dalla giovane Melina (Mirra), straordinario sguardo sul sacrificio femminile in una Napoli devastata dal nazifascismo e martoriata dai bombardamenti, ma mai priva della sua carica di umanità e di amore per la vita.
Inizio spettacoli ore 21.00, se non diversamente indicato.
Non mancheranno le rassegne dedicate ai bambini e alle loro famiglie, con la trentanovesima edizione del Baule dei Sogni, promosso dalla più longeva rete regionale dedicata al teatro per le nuove generazioni, che vede collaborare in sinergia i Comuni di Castelfranco di Sotto, Montopoli val d’Arno, Santa Maria a Monte e San Miniato. Una rete che genera uno dei più importanti programmi, progetti di teatro per ragazzi, scuole e famiglie a livello nazionale. Gli appuntamenti saranno nel fine settimana, il sabato al teatro comunale di Santa Maria a Monte e la domenica a Santa Croce, proponendo anche un ricco progetto di programmazione e formazione rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio.
Dedicata alle famiglie anche la quattordicesima edizione di Stasera pago io, l’originale rassegna inventata in questo teatro, dove sono i bambini che con la loro creatività “pagano” l’ingresso a teatro ai loro parenti.
Le due rassegne sono promosse dalla Fondazione Toscana spettacolo onlus.
Considerati i lavori di riqualificazione del sistema di climatizzazione e della macchina scenotecnica del palcoscenico de Verdi le rassegne Stasera pago io e Il baule dei sogni slittano al 2024.
Le attività di programmazione, produzione, formazione e promozione sono sostenute dal comune di Santa Croce sull’Arno, con il supporto della Regione Toscana nell’ambito del progetto di Residenza della compagnia Giallo Mare Minimal Teatro.
Per il pubblico giovane, non solo in termini anagrafici, ma anche in termini di curiosità verso la composizione scenica multidisciplinare e contemporanea si conferma la rassegna Primo tempo.
Giallo Mare Minimal Teatro da sempre sviluppato per il Teatro Verdi una significativa azione di formazione. Un nucleo specializzato in trasmissione dei saperi scenici anche per questa stagione curerà il laboratorio teatrale Achab, che si rivolge a ragazzi, giovani e adulti e utilizza il linguaggio teatrale come strumento di conoscenza delle proprie capacità comunicative e relazionali.
Il laboratorio per giovani e adulti si terrà il lunedì dalle 21 alle 23, quello per i bambini dai 6 agli 11 anni si terrà il martedì dalle 17 alle 19.00; quello per ragazzi dagli 11 ai 14 anni il martedì dalle 15.15 alle 17.15.
Lezione di prova per gli adulti lunedì 13 novembre alle presso la Saletta Vallini della Biblioteca Comunale Adrio Puccini 21.
Per i bambini e i ragazzi martedì 14 novembre inizieranno i corsi.
I laboratori si terranno presso il Centro Giovani, largo Bonetti di Santa Croce, fino a dicembre. Dopo riprenderanno all’interno del teatro Verdi.
Le iscrizioni sono aperte.
Inizia sabato 11 novembre la campagna abbonamenti per la stagione di prosa, e durerà fino a venerdì 17 novembre, con la prelazione degli abbonati alla stagione 2022-2023 con queste modalità: sabato dalle 9.00 alle 12.00; da lunedì 13 a venerdì 17 novembre dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00.
Per i nuovi abbonamenti da sabato 25 novembre (9-12) e lunedì 27 e martedì 28 novembre dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00.
Da sabato 2 dicembre (orario 9-12) aperta prevendita dei biglietti per tutti gli spettacoli presso il teatro Verdi.
Da lunedì 4 dicembre la prevendita dei biglietti per gli spettacoli sarà effettuata presso Giallo Mare Minimal Teatro a Empoli (via P. Veronese, 10) dal lunedì al venerdì in orario 10-13 e 14 -18. Per informazioni si può telefonare a Giallo Mare Minimal Teatro 0571 81629 – o scrivere a biglietteria@giallomare.it e info@giallomare.it.
I biglietti ancora disponibili saranno messi in vendita anche il sabato precedente e il giorno stesso dello spettacolo presso il Teatro Verdi dalle 20.30 fino a inizio spettacolo.
I prezzi sono rimasti invariati rispetto alla scorsa stagione: per la prosa abbonamento intero € 140; ridotto € 120; per i biglietti per la prosa platea e palchi 1° e 2° ordine intero € 20 ridotti € 16, palchi 3° ordine; intero € 15 ridotti € 12.
I biglietti per la rassegna Primo tempo posto unico € 10; Primo Tempo speciale medie superiori posto unico €6, con trasporto € 10.
Per Stasera pago io! posto unico per i bambini 5 €; adulti ingresso gratuito dietro la presentazione di un fantassegno (denaro virtuale che non comporta nessuna spesa). Il mercoledì precedente lo spettacolo prevendita presso la biglietteria del teatro dalle 16.30 alle 19.00. Per il Il Baule dei Sogni adulti 4.50€ adulti, bambini 3.00 €.
Le riduzioni sono previste per persone under 30 “biglietto futuro” over 65 anni, portatori di handicap o soggetti con invalidità riconosciute, per soci Arci, Acli, Endas, Fenalc e Agesci e per possessori di Carta Giovani; carta Studente della Toscana biglietto ridotto € 8 studenti universitari.
Per i soci Coop è prevista l’applicazione della riduzione del costo del biglietto limitatamente ai posti del 3° ordine.
Per ottenere le riduzioni è necessario presentare apposita documentazione.

Per informazioni comune di Santa Croce:
0571 389853 o
www.comune.santacroce.pi.it;
Giallo Mare Minimal Teatro:
0571 81629  info@giallomare.it;
Teatro Comunale Verdi di Santa Croce sull’Arno:
0571 33267.

Condividi: