TORNA ALLA VERSIONE GRAFICA

COMUNE DI SANTA CROCE


lòdfgLorem ipsum dolor sit amet Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Vivamus tincidunt. Curabitur orci. Donec in diam at tellus vestibulum blandit. In a est at arcu malesuada venenatis. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus luctus dui id leo. Nulla facilisi. Proin eu est. Etiam vulputate aliquam lacus. Vestibulum nec tortor. Integer neque nunc, venenatis quis, laoreet in, tincidunt sed, lorem. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus

CONTENUTI

Comune di Santa Croce

MARTEDI' CINEMA, AUTUNNO 2008

Supercinema Lami

(da martedì 14 ottobre a martedì 09 dicembre 2008)
ore 21,30

14 ottobre:
"La banda"
(Bikur Ha-Tizmoret, Israele/Francia, 2007, 87') Regia di Eran Kolirin,


21 ottobre:
"L'anno in cui i miei genitori andarono in vacanza"
(O ano em que meuss pais sairam de férias, Brasile, 2006, 104')
Regia di Cao Hamburger.

28 ottobre:
"Pranzo di ferragosto"
(2008, 75') Regia di Gianni Di Gregorio.

4 novembre:
"La terra degli uomini rossi Birdwatchers" >
(Italia/Brasile, 2008, 108').
Regia di Marco Bechis,

11 novembre:
"La rabbia di Pasolini"
(Italia, 2008, 83').
Regia di Giuseppe Bertolucci.


18 novembre:
"Il seme della discordia"
(Italia, 2008, 85').
Regia di Pappi Corsicato.

25 novembre:
"Once"
(Once, Irlanda, 2006, 91').
Regia di John Carney.

2 dicembre:
"Pa-Ra-Da"
(Italia, 2008, 81').
Regia di Marco Pontecorvo.

9 dicembre:
"Il matrimonio di Lorna"
(Le silence de Lorna, Belgio/Francia/Gan Bretagna/Italia, 2008, 105')
Regia di Jean-Pierree e Luc Dardenne.

e per finire... il giudizio di uno spettatore d'eccezione... "Pranzo di ferragosto" "Opere come Pranzo di ferragosto mi riconciliano col cinema. È un film che non assomiglia che a sé stesso, se voglio ripescare emozioni simili devo andare alle visioni del Decalogo di Kieslowsky: lì una Varsavia desolata, qui una Roma fantasma di ferragosto, lì le partiture lancinanti di Presner, qui il pathos impassibile delle fisarmoniche di Ratchev & Caratello. Dalla prima panoramica tenera e spietata sul braccio della mamma, al finale in cui una voce reclama il parmigiano nel brodo, non ho mai staccato la spina della commozione. Lo humour che Di Gregorio stende sulla vicenda non ci impedisce di leggerne la drammaticità, anzi ne esalta la vitalità lirica. Ogni tanto al cinema è anche possibile l’entusiasmo senza se e senza ma".

Nicola Piovani, compositore
("la Repubblica", venerdì 1 settembre 2008)



 

Altre News