TORNA ALLA VERSIONE GRAFICA

COMUNE DI SANTA CROCE


lòdfgLorem ipsum dolor sit amet Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Vivamus tincidunt. Curabitur orci. Donec in diam at tellus vestibulum blandit. In a est at arcu malesuada venenatis. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus luctus dui id leo. Nulla facilisi. Proin eu est. Etiam vulputate aliquam lacus. Vestibulum nec tortor. Integer neque nunc, venenatis quis, laoreet in, tincidunt sed, lorem. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus

CONTENUTI

Comune di Santa Croce

Cittadini dell'Unione Europea

Nuove regole per l' ingresso ed il soggiorno dei cittadini UE

L'11 aprile scorso è entrato in vigore il decreto legislativo 6 febbraio 2007 n. 30 che dà attuazione alla direttiva 2004/38/CE relativa al diritto dei cittadini dell'Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri.
La principale novità introdotta dal decreto è l'abolizione della carta di soggiorno per i cittadini UE rilasciata dalla Questura e la sua sostituzione con un'attestazione rilasciata dall'Ufficio Anagrafe.
Infatti per i periodi di permanenza superiori a tre mesi, sarà ora sufficiente iscriversi all'Anagrafe del comune di residenza, mentre per i soggiorni inferiori non è prevista alcuna formalità.
Il diritto di soggiorno è riconosciuto ai cittadini dell'Unione che esercitano un'attività lavorativa, subordinata o autonoma, o seguano un corso di formazione oppure dispongano di risorse economiche sufficienti per la permanenza, oltre che di un'assicurazione sanitaria in modo da non gravare sul sistema di assistenza sociale e sanitario nazionale.
Per l'iscrizione anagrafica, il richiedente dovrà presentare oltre al documento d'identità (passaporto o carta d'identità valida per l'espatrio) e al codice fiscale anche la documentazione che attesti il possesso dei requisiti per il diritto al soggiorno.
Il decreto legislativo si applica a qualsiasi cittadino dell'unione che si rechi o soggiorni in uno Stato membro diverso da quello di cui ha la cittadinanza, nonché ai suoi familiari (coniuge e discendenti di età inferiore a 21 anni o a carico e ascendenti a carico, sia diretti che del coniuge).
Nel caso di soggiorno legale e continuativo superiore a 5 anni, può essere richiesto all'ufficio anagrafe l'attestato di soggiorno a tempo indeterminato.
I familiari extracomunitari di cittadini UE per un soggiorno superiore a 3 mesi devono richiedere alla Questura la Carta di soggiorno di familiare di cittadino dell'Unione.
Per qualunque ulteriore informazione è possibile rivolgersi all'Ufficio Anagrafe 0571 34411 e al Punto Informativo per Stranieri 0571 389985 oppure consultare i siti www.poliziadistato.it , www.immigrazione.it



Links