TORNA ALLA VERSIONE GRAFICA

COMUNE DI SANTA CROCE


lòdfgLorem ipsum dolor sit amet Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Vivamus tincidunt. Curabitur orci. Donec in diam at tellus vestibulum blandit. In a est at arcu malesuada venenatis. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus luctus dui id leo. Nulla facilisi. Proin eu est. Etiam vulputate aliquam lacus. Vestibulum nec tortor. Integer neque nunc, venenatis quis, laoreet in, tincidunt sed, lorem. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus

CONTENUTI

Comune di Santa Croce

Affidamento: Uno, Tanti



L'affidamento previsto dalla L. 184/1983 prevede due forme:


* - Affidamento giudiziale (art. 4, comma 2), quando non c'è il consenso dei genitori;

* - Affidamento consensuale (art. 4, comma 1), quando invece c'è il consenso dei genitori.


Ma il Centro Affidi promuove esperienze di solidarietà e accoglienza promuovendo tutti i tipi di affidamento, anche quelli al di fuori della previsione della L. 184/1983:


* - Affidamento giudiziale disposto per decreto del Tribunale per i Minorenni, per lunghi periodi;

* - Affidamento giudiziale disposto per decreto del Tribunale per i Minorenni, per brevi periodi;

* - Affidamento consensuale, disposto dal servizio sociale territoriale di residenza del minore;

* - Affidamenti part-time (diurno, fine settimana, estivo, ecc.).


Infatti esistono diversi tipi di affidamento, ugualmente necessari e che vengono scelti dalle coppie disponibili in relazione alle proprie disponibilità e motivazioni.

L'affidamento giudiziale, è quello di cui più spesso si ha la necessità e quello per il quale si hanno meno risorse. E' la vera alternativa all'Istituto. Questo è l'iter:


1 - La segnalazione di matrattamento perviene al Servizio Sociale territoriale di residenza del minore;

2 - Il Servizio Sociale territoriale di residenza del minore verifica la fondatezza della segnalazione;

3 - Il Servizio Sociale territoriale di residenza del minore prende contatto con la famiglia indicata per un "contratto d'aiuto", ivi compreso il coinvolgimento del Tribunale per i Minorenni;

4 - Il Tribunale per i Minorenni dà mandato al Servizio Sociale territoriale di residenza del minore di fare proposte nell'interesse e per il benessere del bambino;

5 - Il Servizio Sociale territoriale di residenza dle minore, attraverso gli opportuni contatti con il bambino e la sua famiglia, formula con il Tribunale per i Minorenni un progetto d'aiuto rivolto al bambino ed alla sua famiglia;

6 - Il Tribunale per i Minorenni valuta il progetto proposto dal Servizio Sociale di residenza del minore ed in Camera di Consiglio emette il relativo decreto con i provvedimenti necessari nell'interesse del minore, invi compreseo l'affidamento, avendo prima sentito la famiglia;

7 - La famiglia d'origine è in ogni momento informata di quanto prevede il progetto d'aiuto e ne è parte attiva;


Il Servizio Sociale di residenza del minore collabora con la famiglia d'origine del minore e con la famiglia affidataria alla realizzazione del progetto d'aiuto.