TORNA ALLA VERSIONE GRAFICA

COMUNE DI SANTA CROCE


lòdfgLorem ipsum dolor sit amet Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Vivamus tincidunt. Curabitur orci. Donec in diam at tellus vestibulum blandit. In a est at arcu malesuada venenatis. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus luctus dui id leo. Nulla facilisi. Proin eu est. Etiam vulputate aliquam lacus. Vestibulum nec tortor. Integer neque nunc, venenatis quis, laoreet in, tincidunt sed, lorem. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus

CONTENUTI

Comune di Santa Croce

Commemorazione di Albero Dani e Remo Bertoncini



Comunicato stampa
Venerdì prossimo la cerimonia in ricordo del sacrificio di Dani e Bertoncini

Venerdì prossimo 25 marzo, alle ore 11,30, i sindaci di Santa Croce sull'Arno e di Castelfranco di Sotto, si recheranno a Pisa, in Via dei Macelli, angolo Via Bonanno Pisano (all'altezza del campo sportivo dell'Abetone) per deporre una corona d'alloro davanti al cippo che ricorda la fucilazione, avvenuta il 25 marzo del 1944 per mano dei nazi-fascisti, del santacrocese Alberto Dani e del castelfranchese Remo Bertoncini.

Erano due ragazzi di appena vent'anni che, al pari di tanti loro coetanei, avevano deciso di non rispondere alla chiamata alle armi da parte della Repubblica Sociale Italiana. Per sfuggire alle continue retate dei nazi-fascisti avevano trovato ospitalità nella casa di un contadino, nelle campagne di Stibbio (San Miniato). Scoperti, a seguito di una spiata, furono arrestati e, dopo un sommario processo, furono condannati a morte dal Tribunale militare straordinario fascista e fucilati davanti al muro del campo sportivo all'alba di quel 25 marzo.

La piccola cerimonia, alla quale parteciperanno i familiari dei due martiri e rappresentanti dell'ANPI, del Comune e della Provincia di Pisa sarà un modo per attestare che, a distanza di tanto tempo, che le nostre comunità non si sono dimenticati di questi nostri concittadini morti, nel pieno della loro gioventù, per non essersi voluti compromettere in una guerra assurda ed inumana.

Gli anni di pace e di libertà di cui le generazioni successive hanno potuto beneficiare è stato frutto anche di quella loro scelta e quella piccola corona di alloro sarà quindi un modo per ricordare a tutti noi le responsabilità che ci derivano tuttora da quel loro sacrificio.


IL SINDACO
(Osvaldo Ciaponi)

 

Santa Croce sull'Arno, 23 marzo 2011