TORNA ALLA VERSIONE GRAFICA

COMUNE DI SANTA CROCE


lòdfgLorem ipsum dolor sit amet Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Vivamus tincidunt. Curabitur orci. Donec in diam at tellus vestibulum blandit. In a est at arcu malesuada venenatis. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus luctus dui id leo. Nulla facilisi. Proin eu est. Etiam vulputate aliquam lacus. Vestibulum nec tortor. Integer neque nunc, venenatis quis, laoreet in, tincidunt sed, lorem. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus

CONTENUTI

Comune di Santa Croce

Quattordicenni sorpresi in pieno centro alla guida di un’auto



Comunicato stampa
Quattordicenni sorpresi in pieno centro alla guida di un'auto

Che gli occupanti dell'autovettura che avevano appena intercettato in Via Roma, vale a dire in una delle strade più centrali di Santa Croce sull'Arno, fossero minorenni, i due vigili intervenuti sul posto, a seguito della segnalazione di un cittadino, lo avevano capito già alla prima occhiata.
Ma sono letteralmente trasecolati quando, dal controllo anagrafico fatto immediatamente, è emerso che tutti e tre, compreso quello che ne era alla guida, non avevano neanche quattordici anni, non avevano cioè neppure l'età per guidare (se in possesso dell'apposito patentino) un semplice ciclomotore senza passeggero!

Ma ancora maggiore è stato lo sconcerto che ho provato io quando, subito dopo, sono stato informato dell'accaduto dal Comandante dei Vigili Urbani, tanto mi sembrava incredibile quanto mi veniva riferito compreso il fatto che il tutto era accaduto non di notte, in qualche stradina fuori mano, ma in pieno giorno (erano circa le 16,00) e in pieno centro di Santa Croce!
Tra l'altro, a causa della loro età, i tre (due italiani e uno straniero) non sono imputabili da un punto di vista penale (anche se l'accaduto sarà oggetto di segnalazione sia al Tribunale dei Minorenni, per le valutazioni di sua competenza, sia al Tribunale ordinario, per eventuali profili di responsabilità in capo ai genitori).
Riguardo a questi ultimi, i Vigili Urbani hanno già provveduto a elevare, a carico della proprietaria dell'auto (che è risultata essere la madre del minore che ne era alla guida) la sanzione amministrativa prevista dal Codice per l'incauto affidamento del veicolo.
Ma al di là di questi aspetti, quel che lascia davvero l'amaro in bocca è l'incredibile comportamento di questi ragazzi che vivono in mezzo a noi, che frequentano (o dovrebbero frequentare) le nostre scuole medie e le responsabilità educative che ne derivano, sia per le loro famiglie, ma anche per una società che, nelle sue diverse articolazioni, dovrebbe essere in grado di prevenire almeno queste devianze.
In questo quadro così negativo, spicca invece il fatto positivo che il tempestivo intervento dei Vigili, che ha posto fine,dopo che erano stati percorsi poche centinaia di metri, ad una situazione di grave pericolo per l'incolumità dei tre ragazzi e per quanti si trovavano lungo la loro strada, è stato possibile grazie alla segnalazione telefonica di un cittadino che li aveva visti salire sull'auto.
Questa è la migliore conferma di quanto sia utile la collaborazione dei cittadini al fine di prevenire e reprimere comportamenti di particolare gravità e pericolosità per l'intera collettività.
Molto più di tanti marchingegni elettronici sono infatti queste segnalazioni, fatte senza particolare clamore, dai cittadini più disparati che ci permettono spesso di intervenire, con tempestività, in situazioni che neanche il più scrupoloso poliziotto di quartiere sarebbe spesso in grado di individuare con altrettanta prontezza.

L'ASSESSORE ALLA POLIZIA URBANA
(Piero Conservi)

Santa Croce sull'Arno, 9 febbraio 2011