TORNA ALLA VERSIONE GRAFICA

COMUNE DI SANTA CROCE


lòdfgLorem ipsum dolor sit amet Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Vivamus tincidunt. Curabitur orci. Donec in diam at tellus vestibulum blandit. In a est at arcu malesuada venenatis. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus luctus dui id leo. Nulla facilisi. Proin eu est. Etiam vulputate aliquam lacus. Vestibulum nec tortor. Integer neque nunc, venenatis quis, laoreet in, tincidunt sed, lorem. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus

CONTENUTI

Comune di Santa Croce

Venerdì 12 Novembre sospensione dei servizi al pubblico della Biblioteca comunale dalle 16,00 alle 18,00



Comunicato stampa

L'Amministrazione Comunale di Santa Croce sull'Arno ha deciso di aderire alla giornata di mobilitazione a difesa del diritto alla cultura "12 novembre: porte chiuse, luci accese sulla cultura" promossa a livello nazionale da Federculture (la Federazione che raggruppa Regioni, Enti Locali, Aziende di Servizio Pubblico Locale e tutti i soggetti pubblici e privati che gestiscono i servizi legati alla cultura, al turismo, allo sport e al tempo libero), dall'ANCI, l'Associazione che riunisce tutti i Comuni italiani) e il FAI (Fondo Ambiente Italiano).
Si tratta di un'iniziativa senza precedenti: domani infatti musei, biblioteche, siti archeologici, luoghi di spettacolo in tutta Italia chiuderanno i battenti e fermeranno le loro attività per richiamare l'attenzione sugli effetti dirompenti che la manovra finanziaria varata dal Governo avrà sul settore, già a partire dal prossimo anno, e per riaffermare il diritto alla cultura.
Come è affermato nel documento sottoscritto dai promotori della protesta "questa volta non si tratta solo di tagli, pur molto consistenti - agli oltre 280 milioni di minori stanziamenti al Ministero per i Beni Culturali, si aggiungono le riduzioni a carico delle amministrazioni locali che, secondo prime stime, potrebbero pesare sul settore per circa 800 milioni di euro nel prossimo biennio-, ma di un combinato di articoli contenuti nella legge, la cui applicazione disegnerà un quadro generale nel quale l'intervento pubblico dovrà fare totalmente marcia indietro, rinunciando di fatto alla possibilità di attuare politiche culturali, sia a livello nazionale che regionale e locale".
Due dati evidenziano meglio di tanti discorsi la situazione in cui si verrà a trovare l'intero settore delle attività culturali a partire dal prossimo anno: con i nuovi tagli lo Stato spenderà per queste attività solo lo 0,25 % del proprio bilancio (mentre le famiglie italiane vi continuano a destinarvi circa il 7% delle propria spesa complessiva), con una spesa media a abitante di 25 euro all'anno (contro, ad esempio, i 46 euro della Francia); per quanto riguarda gli Enti Locali la nuova legge oltre a destinargli minori fondi, impone vincoli del tutto assurdi, quali ad esempio l'obbligo di diminuire di ben l'80% (!) le risorse da destinare all'organizzazione di mostre o altre attività espositive.
Da qui la decisione di un arco così vasto di enti e associazioni di "chiudere le porte", domani in maniera simbolica, delle proprie istituzioni culturali, per "accendere le luci" sul futuro della cultura italiana, per non essere costretti a chiuderle definitivamente nei prossimi anni.
Per quanto riguarda il nostro Comune, l'adesione all'iniziativa si concretizzerà della sospensione, dalle ore 16,00 alle ore 18,00, dei servizi al pubblico della Biblioteca Comunale.

IL SINDACO
(Osvaldo Ciaponi)

 

Santa Croce sull'Arno, 11 novembre 2010