TORNA ALLA VERSIONE GRAFICA

COMUNE DI SANTA CROCE


lòdfgLorem ipsum dolor sit amet Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Vivamus tincidunt. Curabitur orci. Donec in diam at tellus vestibulum blandit. In a est at arcu malesuada venenatis. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus luctus dui id leo. Nulla facilisi. Proin eu est. Etiam vulputate aliquam lacus. Vestibulum nec tortor. Integer neque nunc, venenatis quis, laoreet in, tincidunt sed, lorem. Pellentesque mattis felis a ipsum. Nam vel felis non dui vestibulum egestas. Donec nec ipsum. Vivamus

CONTENUTI

Comune di Santa Croce

Anno 2010



3 Febbraio 2010- Sala Consiliare, Comune di Santa Croce sull'Arno-

Incontro sulle dipendenze vecchie e nuove

Nell'ambito delle iniziative di educazione sanitaria che da tempo stanno portando avanti due donne medico di Santa Croce sull'Arno particolarmente impegnate in campo sociale, Brunella Brotini, presidente della FIDAPA di San Miniato, e Grazia Chiarini referente locale dell'Associazione Italiana Donne Medico con il patrocinio del Comune di Santa Croce sull'Arno e dell'ASL 11, è stato deciso di tenere un incontro pubblico per trattare questo problema in tutte le sue sfaccettature.
L'incontro dal titolo "Gratta e vinci, alcool e palloncino" si svolgerà mercoledì 3 febbraio, alle ore 21,15, nella sala consiliare del palazzo municipale, interverranno il Dr. Luigi Rossi del Servizio attività distrettuali e medicina territoriale dell'ASL 11, la gastroenterologa Dr.ssa Francesca Calella e la psichiatra e psicoterapeuta Dr.ssa Marina Zaro.
L'incontro si concluderà con la lettura da parte di Cristina Gori, studentessa dell'Itc "Cattaneo" di San Miniato, della poesia con cui lo scorso anno ha vinto il terzo premio del concorso letterario nazionale che viene organizzato annualmente dalla fondazione "Elisabetta e Mariachiara Casini", in ricordo delle le due sorelle di Firenze, morte tragicamente nel 2004 in un orribile incidente stradale.
Il premio è stato voluto dalla madre delle due ragazze come invito, specie per le giovani generazioni, "a riflettere sul valore della vita, a quanto sia preziosa e dell'assurdità di perderla o di farla perdere a tante altre persone a volte per la banalità di una piccola distrazione, altre volte per la gravità di certi comportamenti consapevoli che l'individuo potrebbe benissimo modificare".

 

Santa Croce sull'Arno, 30 Gennaio 2010